LA CARTELLA BELLA

SPECIALE HALLOWEEN
 

 

                                                                                                                 

  LA STORIA DI JACK O' LANTERN

  

C'era una volta una volta un fabbro di nome Jack che abitava in Irlanda. A Jack piaceva tantissimo bere birra e tutte le sere se ne andava al pub dove rimaneva finché l'oste non lo cacciava via ubriaco.

Jack non era molto ricco, e spesso non aveva neppure i soldi per pagare. Una sera in cui era rimasto al verde, un signore, seduto al bancone del pub, si offrì di pagargli l'ultima bevuta.

Jack rimase a bocca aperta: " Oh, grazie, grazie molte!!!! - disse Jack (o forse disse "Thanks a lot" dato che parlava inglese. Va beh, qui la storia la raccontiamo in italiano quindi.... non poniamoci il problema).

Bella fortuna penserete voi, incontrare un tipo così gentile. Fortuna??? Mica tanta, dato che il signore gentile altro non era che... il diavolo in persona.

Povero diavolo, coi tempi che correvano, gli toccava pure andare in giro a cercare qualche anima da portarsi all'inferno. Infatti, in cambio dei soldi chiese a Jack: - Tu dovrai darmi la tua anima!-

Jack accettò subito ed il diavolo si trasformò in una moneta sonante da sei pence.

Jack, lesto come una lepre, infilò la moneta (che poi era il diavolo) nel suo borsellino dove teneva un piccolo crocifisso di argento.

Il diavolo aveva il sacrosanto terrore della croce, così non poté riprendere le sue sembianze e rimase imprigionato in tasca di Jack.

- Liberami, su.... liberami! Se non torno a casa per cena mia moglie diavola farà il diavolo a quattro con un diavolo per capello!!! - pregava da dentro il borsellino.

Jack, che era molto furbo, lasciò andare il diavolo con la promessa che non gli avrebbe più chiesto l'anima per i prossimi dieci anni.

Il diavolo promise e Jack lo lasciò andare.

Passarono i dieci anni. Tante cose cambiano in dieci anni, sapete, ma Jack no, Jack era rimasto sempre il solito ubriacone, con qualche capello in meno sulla testa e qualche ruga in più sulla fronte, ma sempre puntuale la sera al pub davanti la sua birra.

Si era completamente scordato  dell'anima venduta al diavolo quando una sera, seduto al bancone del pub, lo rivide.

- Ti stavo aspettando, Jack - disse il diavolo salutandolo - come passano in fretta dieci anni, vero? -

Jack pensò, tra sé e sé, che doveva escogitare qualcosa per salvare la propria anima.

Disse allora, fingendo di essere tranquillo (in realtà le gambe gli tremavano eccome, ma ci pensate, dover dare la propria anima al diavolo???): - Sì, sì, certo. Ricordavo benissimo di doverti l'anima... te la do subito. Prima, però  potresti mica andarmi a prendere qualche mela da quell'albero? Sai, ho una certa fame ed una bella mela si accompagnerebbe bene alla mia pinta di birra. In fondo tu sei un diavolo, che ti costa volare sull'albero e farmi questa cortesia....-

Il diavolo volò sull'albero, ma Jack, che era rimasto il solito furbacchione, incise con un temperino una croce sulla corteccia del melo, ed il diavolo rimase bloccato tra le fronde, senza poter più né scendere né scappare.

- Fammi scendere, su, fammi scendere.... - implorava il povero diavolo, buggerato per la seconda volta - ti prometto che rinuncerò alla tua anima!

Jack aveva ottenuto ciò che voleva, cancellò la croce e se ne tornò tranquillo e libero da pegni al suo bancone del pub.

Passarono gli anni, Jack invecchiò felice. Poi, un giorno, giunse anche per lui il momento di lasciare questo mondo.

Appena morto prese la strada per il paradiso e, giunto che fu alla sua porta, bussò con forza dicendo: - Sono Jack, il fabbro irlandese! -

San Pietro, che ben lo conosceva, gli disse:- Via da qui, non è certo il paradiso il posto giusto per un ubriacone e truffatore come te! -

Jack, senza scomporsi, si recò allora all'inferno. - In fondo non si deve star poi così male laggiù - pensava - con quel bel calduccio....-

Toc, toc, bussò. - Chi è là? - disse il diavolo guardiano che... sapete poi chi era? Nientepopodimenoché il diavolo della monetina.

- Sono Jack, il fabbro irlandese! -

- Jack!!!!??? Via, via da qui.... non voglio neanche sentirti nominare - disse il diavolo lanciandogli dietro un tizzone ardente raccolto per terra.

Jack prese il tizzone e lo mise dentro una rapa che stava rosicchiando, in modo che il vento non lo spegnesse. Poi se ne andò, vagando per il mondo fino ai giorni nostri, perché nemmeno il diavolo lo aveva voluto all'inferno.

 

 

 

  IL MIO LIBRO e .... HALLOWEEN

Invia il tuo lavoro

I docenti che inviano il materiale qui pubblicato acconsentono alla pubblicazione di questo e si assumono la responsabilità del contenuto in base alla vigente normativa italiana ed europea in materia di copyrights e trattamento dati sensibili.

HAPPY HALLOWEEN DA WWW.LACARTELLABELLA.COM

Benvenuto, sei il visitatore n. Hit Counter